Sei qui
Home > Lifestyle > Eureka, ma che invenzioni!

Eureka, ma che invenzioni!

scoperta

La mente umana non ha limiti, come anche la creatività, che genera le invenzioni che hanno rivoluzionato, e tutt’oggi migliorano, la nostra vita.

 

Menti eccelse e coraggiose, nonché piene di idee artistiche che si realizzano con passione e motivazione, accompagnano le nostre giornate. Alcune invenzioni hanno stravolto totalmente la quotidianità, come il telefono cellulare, di cui il primo modello risale al 1973, o quella di internet, risalente al 1969 ma ad accesso pubblico dagli anni Ottanta. Altre, invece, migliorano la vita con più discrezione, agevolando semplicemente alcune azioni.

Alcune curiose opere innovative:

 

  • Il cartone pubblicitario che trasforma l’umidità in acqua potabile. Si trova a Lima e nasce dalla collaborazione tra l’Università di Ingegneria e Tecnologia di Lima e Mayo DraftFCB, agenzia pubblicitaria del luogo. L’acqua è così a disposizione della popolazione, che può berla dalle fontane collegate al cartellone. Un’invenzione che sfrutta la grande umidità del luogo!
Cartellone Potabile di Lima Ph. Focus
Cartellone Potabile di Lima Ph. Focus

 

  • Il grattacielo invisibile: l’Infinity Tower di Seoul. Siamo in Corea, e questa altissima costruzione può diventare invisibile grazie alle 500 file di schermi Led e telecamere che riproducono le immagini dell’ambiente circostante. Piloti di aerei, fate attenzione!
Infinity Tower di Seoul
Infinity Tower di Seoul

 

  • Le (utilissime?) nuvole da interno. Si, hai capito bene, adesso puoi portare in salotto le nuvole grazie all’artista olandese Berndnaut Smilde. Generare le nuvole e fotografarle adesso è più facile, wow!
Nuvole da interno
Nuvole da interno

 

  • Superman. E’ stato un fumettista adolescente a migliorare la tua fantasiosa giovinezza.  Jerry Siegel, appassionato di fantascienza, scrisse l’idea e la propose ad un amico disegnatore e dopo 4 anni pubblicò il primo numero. Grazie a lui, siamo tutti dei supereroi!
Superman
Superman

 

  • Luci Natalizie. L’atmosfera magica del Natale non sarebbe la stessa senza le lucine che sfavillano sugli abeti natalizi. L’idea nasce dalla mente artistica di Albert Sadacca, che a soli 15 anni, nel 1917, adatta un modello commercializzato dai suoi genitori rendendolo economico e ad uso popolare. Grazie amico, prossima invenzione: regali che si auto-generano sotto l’albero!
  • Il GPS felino. Basta privacy notturna per il vostro gatto, adesso potete seguirlo nelle sue divertenti avventure tramite questa buffa invenzione. La sua creazione è d’iniziativa del Governo Australiano, desideroso di mappare l’attività notturna dei gatti, a salvaguardia della fauna locale. Signorine Occhi di Gatto sono finiti i vostri furti!
Luci di Natale
Luci di Natale
GPS per gatti
GPS per gatti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che siano idee rivoluzionarie, utili o inutili, le menti geniali vanno sempre ricordate.

 

  • I Social Network. Come faresti senza?! Sembra scontato, ma grazie ai Social siamo tutti collegati e ad utilità supera di gran lunga le invenzioni precedenti. Non solo permettono di contattare amici lontani e fare tante nuove conoscenze in TUTTO il MONDO, ma sono delle vetrine, degli strumenti per mettersi in mostra in modo facile e gratuito sull’internet. Un esempio? JobOk Social, che nasce da una mente piena d’arte, dal desiderio di creare uno strumento che agevoli la diffusione della bellezza artistica e artigianale.
Jay, il logo del JobOk Project
Jay, la mascotte del JobOk Project

 

Grazie a questa invenzione si ha l’opportunità di esordire nel proprio campo d’autore, proponendo idee, storie, suoni, sguardi e volti di memorabile bellezza. Un canale prioritario per il successo!

Pssssss avvicinati che ti dico un segreto… è GRATUITO!

Giulia Valiani
Dopo una laurea in sociologia, ho seguito l’istinto che sin da bambina mi fa apprezzare la comunicazione pubblicitaria, da sempre fonte di divertimento e curiosità. Grande amante della cultura classica, combatto la cacofonia linguistica alla ricerca della bella ed efficace comunicazione, perché, citando Nanni Moretti, “ le parole sono importanti! “

Lascia un commento

Top